Magnum

Magnum

  • Formato: 1,5 l (Magnum) Un Franciacorta che cerca armonia ed equilibrio nel solo vino e nella sua lunga evoluzione a contatto con i lieviti, senza "l'aiuto" esterno del dosaggio. Il ritratto di Gualberto Ricci Curbastro, tra i primi a credere nella Denominazione Franciacorta nel 1967 e artefice della storia recente della Ricci Curbastro. Uve: Pinot Nero 60-70%, Chardonnay 30-40%. Vigneti: Franciacorta (BS) nel comune di Capriolo. Ciclo produttivo: alla fermentazione a temperatura controllata in vasche d'acciaio ed in piccola parte in carati di rovere, fa seguito, in primavera, il tiraggio con l'inizio di una lenta rifermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale della Franciacorta. Le bottiglie restano in catasta per almeno 60 mesi (totale dalla vendemmia 68 mesi) garantendo l'inconfondibile bouquet dovuto al contatto ed all'autolisi dei lieviti. Dopo la sboccatura, con l'aggiunta di uno sciroppo di dosaggio senza zuccheri il Gualberto compie un ulteriore affinamento in cantina di qualche mese. Colore: bel colore giallo luminoso e con perlage abbondante, fine e persistente. Profumo: fresco e dolce di frutto, pesca, arancia, melone, attraversato da una bella vena minerale e ancora mandorle, frutta secca e sentori di pane. Sapore: bocca di grande freschezza, all'ingresso voluminoso, di buona cremosità. La bella vena acida è supportata da una struttura all'altezza del compito. Ottima persistenza. Gradazione: 12.5% vol. Conservazione delle bottiglie: coricate, al buio, in ambiente asciutto e fresco. Servizio: servire a 10° C, meglio se in un secchiello con acqua e ghiaccio, stappando la bottiglia al momento del servizio ed utilizzando bicchieri slanciati e non troppo stretti. Gastronomia: eccellente come aperitivo con antipasti, crudità e crostacei, pasta ai frutti di mare o con crostacei, pesce al forno.
  • Esaurito
    Formato: 1,5 l (Magnum) Premiato per ben sei anni consecutivi dal 2001 al 2006 con i Cinque Grappoli dall'Associazione Italiana Sommelier il Satèn Brut è la massima espressione della tipicità e dell'armonia del Franciacorta D.O.C.G. Sempre per l'Ais è stato nel 2003 miglior vino italiano per rapporto qualità/prezzo e l'Ais Lombardia l'ha incoronato miglior vino lombardo nel 2007. Caratterizzato da una minore pressione in bottiglia (massimo 5,0 atm) che garantisce un perlage di estrema finezza, persistenza e morbidezza. Uve: Chardonnay 100% vinificate in carati di rovere. Vigneti: Franciacorta (BS) nei comuni di Capriolo e Iseo. Ciclo produttivo: alla fermentazione in carati di rovere, fa seguito, in primavera, il tiraggio con l'inizio di una lenta rifermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale della Franciacorta. Le bottiglie restano in catasta per almeno 40 mesi (totale dalla vendemmia 48 mesi) garantendo l'inconfondibile bouquet dovuto al contatto ed all'autolisi dei lieviti. Dopo la sboccatura, con l'aggiunta di uno sciroppo di dosaggio molto secco (7 g/litro) il Franciacorta compie un ulteriore affinamento in cantina di qualche mese. Colore: giallo paglierino, chiaro e lucente. Profumo: all'olfatto si presenta con rilevante presenza di note fruttate mature, fitte e dense, sulle quali si inseriscono aromi speziati e lieviti che ricordano note biscottate e mandorlate. Sapore: di grande eleganza ripropone al gusto le stesse sensazioni olfattive sorrette da corpo e struttura, vivacizzate da una lieve acidità. Gradazione: 12.5% vol. Conservazione delle bottiglie: coricate, al buio, in ambiente asciutto e fresco. Servizio: servire a 10° C, meglio se in un secchiello con acqua e ghiaccio, stappando la bottiglia al momento del servizio ed utilizzando bicchieri slanciati e non troppo stretti. Gastronomia: accompagna tutto il pasto, dall'aperitivo ai formaggi; ideale con pesce e carni bianche. Curiosità: la tipologia Satèn riservata alla sola Franciacorta ha preso il nome dalla seta, un tempo qui prodotta, e come la seta si presenta "morbido" (rotondo) e "con stoffa", (consistente o corposo), nei due aggettivi è descritta tutta la magia del Franciacorta Satèn Brut.
  • Esaurito
    Formato: 1,5 l (Magnum) Un meraviglioso, facile da bere, espressivo esempio di Franciacorta con una accattivante combinazione di note floreali (dal Pinot Bianco) e fruttate (dallo Chardonnay).   Uve: Chardonnay 60% , Pinot Bianco 30%, Pinot Nero 10%. Vigneti: Franciacorta (BS) nei comuni di Capriolo e Iseo. Ciclo produttivo: alla fermentazione a temperatura controllata in vasche d'acciaio, fa seguito, in primavera, il tiraggio con l'inizio di una lenta rifermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale della Franciacorta. Le bottiglie restano in catasta per almeno 30 mesi (totale dalla vendemmia 38 mesi) garantendo l'inconfondibile bouquet dovuto al contatto ed all'autolisi dei lieviti. Dopo la sboccatura, con l'aggiunta di uno sciroppo di dosaggio molto secco (8 g/litro) il Franciacorta compie un ulteriore affinamento in cantina di qualche mese. Colore: giallo paglierino,lucente. Spuma ricca ed abbondante con un fine e persistente perlage. Profumo: leggermente floreale, elegante, di notevole intensità, medie note di lievito e pane appena sfornato. Sapore: strutturato ma morbido e cremoso pur nel suo gusto secco, note fruttate, finale lungo e bilanciato. Gradazione: 12.5% vol. Conservazione delle bottiglie: coricate, al buio, in ambiente asciutto e fresco. Servizio: servire a 10° C, meglio se in un secchiello con acqua e ghiaccio, stappando la bottiglia al momento del servizio ed utilizzando bicchieri slanciati e non troppo stretti. Gastronomia: eccellente come aperitivo e con stuzzichini, formaggi morbidi e i piatti di pesce più delicati. Formati: disponibile nei formati 0,375 l (1/2 bottiglia), 0,75 l, 1,5 l (magnum), 3,00 l (Jeroboam).
Torna in cima